Un esercizio interessante per un CV efficace

Quando sei in cerca di lavoro la prima cosa che fai è scrivere il CV o se questo già l’hai fatto il tuo compito è quello di aggiornarlo.

Tanti sono i dubbi e le domande ma tra queste ti sei mai chiesto: “E se io fossi un selezionatore di un’importante azienda che tipo di CV vorrei ricevere? Quali caratteristiche deve avere il candidato che sto cercando?

La verità è che gran parte del nostro tempo lo sprechiamo pensando a come descriverci al meglio, senza pensare a che tipo di persona sta cercando l’azienda e quali sono i valori in cui crede.

Eh già… forse a questa cosa non ci avevi mai pensato!

Oggi ti suggerisco un esercizio stimolante.

Prima cosa da fare: prendi carta e penna! Scrivere ti aiuterà a pensare meglio.
Un piccola chicca: lo sapevi che secondo diversi studi scientifici scrivere a mano fa bene al cervello, lo tiene allenato, stimola il senso critico. Insomma: ci mantiene giovani.

Ti ho convinto ad abbandonare per un po’ dal computer o a distogliere l’attenzione dallo smartphone? Spero di sì!

Ora che hai raccolto tutto il materiale sei pronto per il secondo step? Certo che sì: una buona tazza di caffè; perché devi essere sveglio, attento e super carico a ciò che stai per scrivere.
Ricorda un CV ben scritto può cambiarti la vita (quella lavorativa, intendo :P)

OKAY! Adesso sei pronto, puoi iniziare a scrivere il tuo CV!
Scritto?! Perfetto! Prova a rileggerlo mettendoti nei panni dell’altro, vale a dire del selezionatore e rispondi alle seguenti domande:
“Perché tra tutti i candidati dovrei scegliere proprio te?”
“Il tuo CV fa veramente la differenza? Per cosa si distingue?”
“Attraverso il CV che ho scritto riesco a comprendere che le attività elencate, le ho svolte in modo concreto ed efficace?”

Un CV ben fatto parla da solo! Tu leggendolo riesci a comprendere se sei stato in grado di far trasparire al ipotetico selezionatore:

  • se hai concretamente imparato dalle diverse esperienze maturate;
  • qual è il valore aggiunto che puoi fornire a quella determinata azienda.

Se le attività e le responsabilità lavorative che hai riportato sono davvero chiare ai tuoi occhi saranno chiare anche agli occhi di un esperto HR.

Se il tuo CV risponde in modo positivo a queste domande, hai buone probabilità che il tuo CV possa essere il “prescelto”. Queste sono tra le domande che un buon selezionatore dovrebbe porsi davanti a un CV in fase di “screening”.

Invece, se pensi che sia poco efficace, non demordere! Un respiro profondo… una lunga pausa e si ricomincia! Né io né tu vogliamo che il tuo CV rimanga chiuso in qualche database aziendale.

Chiunque può svolgere questo esercizio. Il segreto sta nel parlare di te, scrivere delle tue esperienze di vita in modo semplice, chiaro e sintetico.

Pubblicato in News | Lascia un commento

Come scrivere un curriculum vitae

Scrivere il curriculum vitae non è facile. A volte non sappiamo se preferire il formato europeo oppure un modello più creativo; se riportare tutte le informazioni o aggiungerne di “fittizie”. La verità è che un buon curriculum vitae non è valutato solo in base alla quantità di esperienze o ai titoli acquisiti o dal modello scelto. Quello che conta è il modo in cui è scritto: come ti descrivi e come racconti le tue attività lavorative. Pensa che dall’altro lato c’è una persona proprio come te che ti valuta e percepisce il modo in cui ti vuoi far conoscere.
Immagina di essere un selezionatore e tra le mani hai un cv lungo 5 pagine con informazioni sbagliate o inessenziali, con svariati errori grammaticali magari causati dalla fretta o dalla piccole distrazioni, quanto pensi possa essere efficace? Mmm… ci stai pensando?! Informazioni inessenziali potrebbero raffigurare una persona prolissa e poco pratica; così come gli errori potrebbero delineare distrazione, pigrizia o superficialità.
Quindi prima di scrivere il tuo cv pensa che hai bisogno di tempo: ritagliati due/tre ore tutte per te.

È importante che la compilazione del curriculum avvenga con accortezza e che ogni dato inserito sia valutato e pensato in modo che possa contribuire a creare un profilo completo, smart ed efficiente.
Il cv è il tuo biglietto da visita, un primo approccio alla conoscenza della tua persona. Attraverso il cv cercherai di dare un’idea di te e delle tue esperienze ai tuoi potenziali datori di lavoro.

Non esiste un CV perfetto, ma un CV fatto bene, ben scritto e pratico. Quando scrivi il tuo cv ricorda che stai già partecipando al primo step di selezione: per essere scelto devi essere capace di trasmettere attraverso le parole il tuo modo di essere, la professionalità e la passione con cui svolgi o hai svolto le tue attività lavorative.

Consigli pratici

  • Scegli il modello adatto alle tue esigenze 
    I diversi formati per compilare il cv possono essere facilmente adattati alle tue esigenze per evidenziare le tue esperienze e i tuoi punti di forza. Vi lascio qui un link che riporta circa 50 modelli di curriculum vitae https://www.modelli-di-curriculum.com/. Se ti stai candidando per un ruolo da creativo puoi mostrare le tue capacità scegliendo formato che metta in risalto la tua creatività. Come tratto distintivo ricordati di sottolineare meglio alcuni aspetti evidenziando le parole chiave usate nella job description
  • Attento alle informazioni
    Inserisci le informazioni in ordine di importanza, in modo che le tue esperienze più rilevanti saltino subito agli occhi. Evita informazioni poco rilevanti per il profilo per cui vuoi candidarti.
    Non scrivere false esperienze lavorative e non esagerare nella descrizione delle tue competenze. Ricorda che se il colloquio va a buon fine, dovrai rendere conto delle cose che hai inserito nel tuo cv. Potresti perdere di credibilità.
  • Inserisci una fotografia recente
    Aggiungi una fotografia recente ricorda che ci stai “mettendo la faccia”. Per molte aziende il cv senza foto può risultare incompleto e potrebbe essere scartato ancora prima di essere letto.
  • Occhio alla lunghezza
    Ma quanto deve essere lungo un cv? Non esiste una lunghezza ma ti consiglio un max di 3 pagine meglio ancora se 2. Due pagine penso sia il numero ideale che ti consente di inserire tutte le informazioni per creare un curriculum d’effetto. Se hai molte esperienze lavorative da non riuscire a rimanere all’interno delle 2 pagine ti consiglio di eliminare quelle che non sono attinenti con la posizione per la quale ti state candidando.
  • Formato
    Ricorda di stampare il tuo cv in pdf, scrivi usando il carattere Times New Roman. Se scegli il modello del cv europeo dimensione ricorda di usare la dimensione 11 per le date nella colonna a sinistra ; nella colonna di destra usa una dimensione del carattere pari a 12 (mi riferisco a un cv cartaceo).
  • Controlla quanto hai scritto
    È cosa buona e giusta fare un controllo finale. Rileggi quanto hai scritto per eliminare eventuali errori grammaticali; in più ti suggerisco di farlo leggere anche a un’altra persona che possa essere un amico o parente. Quattro occhi sono meglio di due! Lui o lei riusciranno a vedere errori che tu non hai individuato, probabilmente per la stanchezza o perché oramai i tuoi occhi sono assuefatti dallo schermo del pc.

Dopo verifica la correttezza di tutti i dati inseriti, a partire dall’email e dal numero di telefono.
Ora non ti resta che salvarlo in formato pdf e controllare che sia ben allineato; superato questo test finale puoi passare all’azione: invia.

Buona fortuna!

Pubblicato in Professioni | Lascia un commento

Diventa uno specialista funzionale SAP con Begear

Begear, azienda di consulenza e formazione lavora nel settore dell’information technology da 20 anni, è arrivata alla decima edizione del corso SAP FI-MM.
Il corso inizia il 26 giugno 2017 in modalità full time per un totale di 80 ore: 10 incontri di 8 ore ciascuno. Durante il corso sarai accompagnato da un esperto consulente SAP che ti supporterà anche da casa.

Il percorso di formazione professionale è consigliato a chi desidera lavorare con SAP, il sistema ERP (Enterprise Resource Planning) più usato dalle medie e grandi aziende.
SAP è il software per la gestione e l’ottimizzazione di tutti i processi interni ed esterni ad un’azienda relativi a clienti, fornitori, materiali, produzione e logistica. Il corso SAP introduce i concetti essenziali sui sistemi ERP approfondendo il panorama di business a cui si rivolge e le figure professionali di cui necessita ed entrando, poi, nel merito sia delle caratteristiche generali del prodotto SAP sia di quelle funzionali e specifiche dei due principali moduli, Amministrazione e Finanza (FI) ed il Modulo Material Management (MM). Il modulo (FI) ti consente di analizzare la struttura contabile dell’azienda e di applicare le tecniche della contabilità generale per fornire risposte concrete alle necessità contabili dell’azienda. Il modulo (MM) ti permette di gestire il settore logistico aziendale, di controllare la gestione del magazzino e della vendita.
Durante il corso vengono affrontate le problematiche della Logistica generale riguardanti la gestione dei materiali all’interno dell’Azienda, dalla loro acquisizione (Purchasing) alla loro movimentazione interna (Warehouse Management), dallo stoccaggio (Inventory Managment), fino alla gestione dei Servizi post-vendita (External Service Managment).

Obiettivi

Al termine del corso SAP sarai in grado di analizzare i processi aziendali e traslarne i parametri individuati al sistema informativo SAP.
La scelta di focalizzare l’attenzione sulla diversificata offerta modulare che il sistema può offrire, parte dalla consapevolezza della necessità di adeguarsi ai cambiamenti imposti da trend di variazione quantitativa e qualitativa. La parola d’ordine diventa infatti flessibilità. Il corso fornisce le giuste modalità di utilizzo del customizing, per adattare il sistema alle esigenze della propria azienda in ambito contabilità clienti, fornitori, generale e cespiti, ed induce alle funzioni di reporting. Saranno affrontati gli aspetti sistemistici, necessari a una buona conoscenza delle potenzialità tecniche del sistema. Acquisirai tutti gli elementi per poter sviluppare sul Sistema gestionale SAP e avrai le conoscenze di base delle principali esigenze di progetto.

 

Pubblicato in Corsi | Contrassegnato | Lascia un commento